news energie rinnovabili

Stop all’idroelettrico da 100 milioni: troppi rischi per la Lince

Stop all’idroelettrico da 100 milioni: troppi rischi per la Lince

Bocciato un mega impianto idroelettrico nel parco nazionale di Mavrovo, in Macedonia. Era l’ultimo rifugio della Lince dei Balcani

The post Stop all’idroelettrico da 100 milioni: troppi rischi per la Lince appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/energia/idroelettrico/stop-idroelettrico-rischi-lince-333/

notizie energie rinnovabili

Da Hong Kong la bici elettrica portatile da ricaricare con l’accendisigari

Da Hong Kong la bici elettrica portatile da ricaricare con l’accendisigari

Su kickstarter la campagna per la bici elettrica che si ricarica con l’accendisigari dell’auto che mentre pedalate vi ricarica lo smartphone

The post Da Hong Kong la bici elettrica portatile da ricaricare con l’accendisigari appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/mobilita/bici-elettrica-portatile-accendisigari-876/

notizie energie rinnovabili

"Come operare nei mercati del fotovoltaico in Italia nel 2016". Sconto entro 2 novembre

"Come operare nei mercati del fotovoltaico in Italia nel 2016". Sconto entro 2 novembre

Redazione Qualenergia.it

A Roma, il 2 dicembre, il Workshop di QualEnergia.it su come potenziare le opportunità degli operatori del FV: i diversi segmenti di mercato, contesto normativo, aspetti tecnico-finanziari, approccio al cliente finale, diffusione degli accumuli. Sconti per chi si iscrive entro il 2 novembre.

Strategie per i diversi segmenti di mercato nel breve periodo, contesto normativo, aspetti tecnico-finanziari, approccio al cliente finale, diffusione degli accumuli

Roma, mercoledì 2 dicembre 2015

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151005-come-operare-nei-mercati-del-fotovoltaico-italia-nel-2016-aperte-le-iscrizioni-al-workshop-tecnico

notizie energie rinnovabili

Dalla green economy il 10% del Pil e 3 milioni di occupati

Dalla green economy il 10% del Pil e 3 milioni di occupati
Alle attività legate alla sostenibilità ambientale in Italia si devono oltre 102 miliardi di euro di valore aggiunto – pari al 10,3% dell’economia nazionale – e 2 milioni 942mila posti di lavoro. Un’azienda su quattro nel 2015 investe nel green. La fotografia della green economy italiana nel report GreenItaly 2015.

La green economy in Italia è ormai un’occasione colta. Lo dicono i numeri di GreenItaly 2015, il sesto rapporto di Fondazione Symbola e Unioncamere, promosso in collaborazione con il Conai, secondo cui un’impresa su quattro dall’inizio della crisi ha scommesso su innovazione, ricerca, design, qualità e bellezza, sulla green economy.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151030-dalla-green-economy-il-10-del-pil-e-3milioni-di-occupati

notizie energie rinnovabili

Nuove tempistiche Certificati Verdi, le critiche di Anev

Nuove tempistiche Certificati Verdi, le critiche di Anev

Il differimento dei pagamenti secondo l’associazione potrà mettere in difficoltà gli operatori: l’inatteso allungamento delle tempistiche graverà sulle casse già colpite negli anni scorsi da vari tagli.

A valle della comunicazione da parte del GSE delle tempistiche di erogazione degli incentivi per gli impianti a Certificati Verdi di cui all’articolo 19, comma 1 del DM 6 luglio 2012, che dal 1 gennaio 2016 passeranno ad una feed-in tariff, l’ANEV segnala come il differimento dei pagamenti “potrà mettere in difficoltà gli operatori”.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151030-nuove-tempistiche-certificati-verdi-le-critiche-di-anev

notizie energie rinnovabili

Certificati Verdi, tempistiche di erogazione degli incentivi dal 2016

Certificati Verdi, tempistiche di erogazione degli incentivi dal 2016

Dal 2016 gli incentivi spettanti alla produzione di energia elettrica degli impianti alimentati da rinnovabili non FV verranno erogati dal GSE su base trimestrale entro il secondo trimestre successivo a quello di riferimento.

A partire dall’anno 2016 – in continuità con le tempistiche previste dal DM 6 luglio 2012 per il ritiro dei Certificati Verdi 2015 – gli incentivi spettanti alla produzione di energia elettrica degli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse dal fotovoltaico (di cui all’articolo 19, comma 1 del DM 6 luglio 2012), per i quali la produzione incentivata è determinabile su base mensile, verranno erogati dal GSE su base trimestrale entro il secondo trimestre successivo a quello di riferimento.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151030-certificati-verdi-tempistiche-di-erogazione-degli-incentivi-dal-2016

news energie rinnovabili

Le aziende italiane e il costo dell’energia

Le aziende italiane e il costo dell’energia

Redazione Qualenergia.it
Quanto incidono le spese energetiche sulla competitività dell’industria nazionale? Perché le imprese italiane pagano l’elettricità più cara dei loro competitor europei? Quali effetti dal calo del prezzo del petrolio? Le risposte in un report curato dal Ministero dello Sviluppo Economico.
Immagine Banner:

Le imprese italiane usano sempre meno energia, ma continuano a pagarla più cara dei competitor europei, mentre i benefici del recente crollo dei prezzi del petrolio si fanno sentire solo in maniera parziale e indiretta. Sono questi alcuni elementi che emergono dal capitolo zeppo di dati che l’ultimo report del Ministero dello Sviluppo Economico dedica alla questione energia e aziende (allegato in basso).

Consumi ai minimi

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151030-aziende-italiane-e-costo-dell-energia-analisi-del-mise

risparmio economico

Agevolazioni economiche

notizie energie rinnovabili

Da ENEA soluzione per produrre idrogeno in sicurezza

Da ENEA soluzione per produrre idrogeno in sicurezza

Il brevetto dell’ENEA propone una soluzione innovativa per la produzione di idrogeno ad alta temperatura che riduce drasticamente il rischio di fiamme ed esplosioni – anche in caso di perdite di idrogeno/ossigeno e anomalie di impianto – ed evita lo ‘step’ critico del ricircolo di idrogeno.

Cresce l’interesse della ricerca energetica verso le cosiddette ‘tecnologie elettrolitiche di alta temperatura’, che si rivelano sempre di più uno strumento chiave per la produzione e lo sfruttamento dell’idrogeno sia come vettore energetico che per la conversione e l’accumulo di energia rinnovabile. Attualmente la produzione di idrogeno – in spazi confinati e in condizioni di alte temperature – presuppone rischio di incendi ed esplosioni.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151030-dall-enea-la-soluzione-produrre-idrogeno-sicurezza-sfruttando-la-co2

notizie energie rinnovabili

Efficienza energetica negli edifici storici, una guida dal MiBACT

Efficienza energetica negli edifici storici, una guida dal MiBACT

L’intento è quello di fornire indicazioni operative sia ai progettisti che al personale del Ministero per la valutazione della prestazione energetica dell’edificio storico e delle varie operazioni di efficientamento energetico applicabili.

Sono state presentate a Roma presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MIBACT) le “Linee Guida di indirizzo per il miglioramento dell’efficienza energetica nel patrimonio culturale” (vedi link in basso), che forniscono indicazioni per la valutazione e il miglioramento della prestazione energetica del patrimonio culturale tutelato nei centri storici e nell’architettura rurale, con riferimento alle norme italiane in materia di risparmio e di efficienza energetica degli edifici.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151030-efficienza-negli-edifici-storici-una-guida-dal-ministero-dei-beni-culturali