Pffgroup Bonfiglioli Basket vs Civitanova

image

 

Vi aspettiamo questa sera al palazzetto per tifare con tutta la vostra energia le nostre bravissime ragazze.

Acqua morta: i 10 fiumi più inquinati del mondo

notizie energie rinnovabili

Acqua morta: i 10 fiumi più inquinati del mondo

Dal Nilo allo Yangze, passando per il Danubio e il Mekong. Così la mano dell’uomo ha sfigurato i corsi d’acqua più belli e importanti del pianeta

The post Acqua morta: i 10 fiumi più inquinati del mondo appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/ambiente/acqua-morta-10-fiumi-piu-inquinati-del-mondo-333/

Bozza nuovo Conto termico, ecco cosa cambia

notizie energie rinnovabili

Bozza nuovo Conto termico, ecco cosa cambia

Il provvedimento, elaborato dal Ministero dello sviluppo, aiuterà la diffusione del meccanismo del Conto termico, sinora frenata soprattutto dalle complesse procedure di accesso e dalla concorrenza delle più semplici – oltre che spesso più convenienti – detrazioni fiscali del 65%.

Tra le novità più importanti contenute nella bozza di decreto, segnaliamo:

• l’aggiunta di 3 nuovi interventi incentivabili rispetto a quelli attualmente già previsti: la trasformazione in “edificio a energia quasi zero”, la sostituzione di sistemi di illuminazione con dispositivi efficienti, l’installazione di tecnologie di building automation, di sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore;

• l’incentivo, che nella maggior parte dei casi va a coprire il 40% dell’investimento, sale al 50% per gli interventi di isolamento termico nelle zone climatiche E/F e al 55% se l’isolamento è accompagnato dall’installazione di un nuovo impianti di climatizzazione invernale. L’incentivo sale al 65% per la trasformazione in “edificio a energia quasi zero” e per la sostituzione dei sistemi di illuminazione con dispositivi efficienti;

l’eliminazione dei registri attualmente previsti per gli impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore e caldaie a biomassa con potenza termica compresa tra 500 e 1000 kW;

• corresponsione dell’incentivo in un’unica rata per importi fino a 5mila euro, sia per i privati che per le Amministrazioni pubbliche;

• possibilità di dimostrare l’avvenuto pagamento delle spese anche per acquisti on line e con carta di credito (oltre che con fattura o bonifico bancario/postale, come attualmente previsto).

Ricordiamo infine che questo provvedimento, la cui uscita era prevista entro il 31 dicembre 2014, è allo stadio di bozza e quindi non risulta ancora in vigore.

Per ogni ulteriore approfondimento, consigliamo di consultare il provvedimento e anche la sezione di Nextville dedicata all’analisi del Conto termico, nella versione attualmente vigente.

Riferimenti:

Schema di Dm recante incentivi per interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili Bozza del 12 novembre 2015
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Conto termico: incentivi per l’efficienza energetica e le rinnovabili termiche
in Nextville (Incentivi e Bandi)

Dm Sviluppo economico 28 dicembre 2012 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Clicca qui per l’articolo originale http://www.nextville.it/news/2291

Il Ministro dell'Ambiente e le timide politiche sull'energia

notizie energie rinnovabili

Il Ministro dell'Ambiente e le timide politiche sull'energia

Leonardo Berlen

Guida futura della politica energetica al Ministero dell’Ambiente, obiettivi 2030, Cop21, Green Act, rinnovabili, efficienza e trivelle: il Ministro Galletti ospite del “Forum QualEnergia?” a 360 gradi. Ma l’immagine è ancora quella di un governo che fa scelte timide, quando non miopi, spesso rivolte al passato.

“La politica energetica in futuro dovrà essere guidata dal Ministero dell’Ambiente, perché è proprio sull’ambiente che ha il suo impatto. Il Ministero dello Sviluppo Economico dovrebbe avere altri obiettivi. Per questo andrà fatta una revisione delle deleghe sull’energia, settore oggi diviso tra più ministeri competenti”. È quanto ha affermato oggi il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, ospite al “Forum QualEnergia?”.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151125-galletti-ministro-ambiente-e-le-timide-politiche-sull-energiahttp://www.qualenergia.it/articoli/20151125-galletti-ministro-ambiente-e-le-timide-politiche-sull-energia

Incentivi sospesi, interrogazione denuncia "caos nel fotovoltaico ed Enel impreparata"

notizie energie rinnovabili

Incentivi sospesi, interrogazione denuncia "caos nel fotovoltaico ed Enel impreparata"

Redazione Qualenergia.it

Il riferimento è alla sospensione degli incentivi per gli impianti per i quali non è stato comunicato l’adeguamento alle prescrizioni dell’Allegato A.70 del Codice di Rete. Un’interrogazione parlamentare M5S denuncia: “ennesimo provvedimento che mette in difficoltà il settore”.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151125-incentivi-sospensio-interrogazione-M5s-caos-fotovoltaico-enel-impreparata-a70-adeguamento-inverter-gse

Idee per cogliere le opportunità dell'efficienza energetica

notizie energie rinnovabili

Idee per cogliere le opportunità dell'efficienza energetica

Roberto Rizzo

Promuovere una filiera italiana, creare linee guida e procedure standard che consentano di rendere replicabili gli interventi, aiutare con una certificazione terza gli investitori a quantificare i risparmi possibili: qualche idea dal commissario Enea Federico Testa per colmare l’efficiency gap.

Immagine Banner: 

Alla presentazione a Milano del rapporto di Standard&Poor’s sull’outlook delle principali utilities energetiche italiane, ha partecipato anche il Commissario Enea, Federico Testa, che ha focalizzato il suo intervento sul potenziale di efficientamento degli edifici pubblici e sul ruolo che Enea potrebbe avere, come parte terza pubblica senza scopo di lucro, nel supportare le Pubbliche Amministrazioni rispetto agli interventi di efficienza e nel sopperire, almeno in parte, alla carenza di competenze tecniche su questo tema nelle amministrazioni.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151123-opportunita-efficienza-energetica-idee-enea-federico-testa

Legge Stabilità, le novità del maxiemendamento approvato dal Senato

notizie energie rinnovabili

Legge Stabilità, le novità del maxiemendamento approvato dal Senato

Il governo incassa la fiducia sulla legge di stabilità. Tra le novità un’estensione dell’incentivo per gli inteconnector e una marcia indietro sull’IVA sul pellet che rimane al 22%

The post Legge Stabilità, le novità del maxiemendamento approvato dal Senato appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/econormativa/legge-stabilita-novita-energia-666/

Stabilità, il Senato vota la fiducia: testo maxiemendamento e novità su energia

notizie energie rinnovabili

Stabilità, il Senato vota la fiducia: testo maxiemendamento e novità su energia

Con 164 sì, 116 no e 2 astenuti il Senato ha votato la fiducia sul maxiemendamento che recepisce il provvedimento nella versione approvata dalla Commissione Bilancio. Per quel che riguarda l’energia, rispetto al testo precedente, contiene due novità principali che riguardano inteconnector e Iva sul pellet.

Con 164 sì, 116 no e 2 astenuti l’aula del Senato ha votato oggi la fiducia su un maxiemendamento interamente sostitutivo del testo del Ddl Stabilità (AS. 2111).

Il maxiemendamento 1.9000 (allegato in basso) recepisce il provvedimento nella versione approvata dalla Commissione Bilancio.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151120-stabilit%C3%A0-oggi-fiducia-al-senato-testo-maxiemendamento-e-novit%C3%A0-su-energiahttp://www.qualenergia.it/articoli/20151120-stabilit%C3%A0-oggi-fiducia-al-senato-testo-maxiemendamento-e-novit%C3%A0-su-energia

Eolico ”troppo” efficiente, in Texas elettricità gratis per le famiglie

Scopri il mini eolico di Pff Group e puoi avere anche tu energia gratis come in Texas il paese simbolo del petrolio .

 impianto mini eolico 
Tratto da : [ZEUS News – www.zeusnews.it – 16-11-2015]

Quello del Texas è uno scenario davvero particolare. Innanzitutto, lo Stato dispone di una rete elettrica che non è collegata a quella degli altri Stati: ciò significa che l’energia prodotta in Texas deve essere per forza consumata in Texas.
Poi, il 10% della produzione avviene grazie a generatori eolici: si tratta di una percentuale maggiore rispetto a quella di qualunque altro Stato degli USA.

Tutto ciò, unito al vento che soffia con maggior forza la notte e agli incentivi federali, ha creato una situazione unica: la TXU Energy ha deciso di non far pagare nulla ai propri utenti per l’energia consumata tra le 21 e le 6.
Di notte, insomma, per migliaia di texani la corrente è gratis, e ciò è dovuto al fatto che le turbine producono più energia di quanto serva. Tale energia finisce comunque in rete e sul lungo periodo incide sull’usura della rete stessa. In pratica, incentivando l’uso notturno rendendo gratis l’elettricità TXU Energy risparmia denaro, poiché ha calcolato che se così non facesse andrebbe presto incontro a costi extra per la manutenzione della rete elettrica.
Per gli utenti, il guadagno è anche più evidente: gli elettrodomestici vengono avviati di notte, e c’è già chi al mattino, prima di uscire di casa, stacca tutto ciò che potrebbe consumare corrente, per poi ricollegarlo la sera.
Qui sotto, lo spot di TXU Energy che annuncia l’elettricità gratis di notte.
Guarda lo spot

Interconnector, l'emendamento di Mucchetti. Altri 2 miliardi a spese nostre?

notizie energie rinnovabili

Interconnector, l'emendamento di Mucchetti. Altri 2 miliardi a spese nostre?

Leonardo Berlen

Il senatore Mucchetti, presidente Commissione Industria, ha presentato due emendamenti alla legge di Stabilità sulle interconnessioni elettriche finanziate da privati. Si allungherebbe di altri 6 anni il loro sostegno con una spesa di altri 2 miliardi di euro, da spalmare sulle bollette.

Ultim’ora (18 nov, ore 17,30): l’emendamento di Massimo Mucchetti sugli Interconnector è stato trasformato in emendamento 41.0.2000 dei Relatori. Pertanto è pressoché blindato e dovrebbe essere approvato a breve.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151116-emendamenti-Mucchetti-su-interconnector-altri-2-mld-di-euro-a-spese-nostrehttp://www.qualenergia.it/articoli/20151116-emendamenti-Mucchetti-su-interconnector-altri-2-mld-di-euro-a-spese-nostre