Legge stabilità 2016 in GU: tutte le novità in materia di efficienza energetica e rinnovabili

notizie energie rinnovabili

Legge stabilità 2016 in GU: tutte le novità in materia di efficienza energetica e rinnovabili

Riassumiamo qui di seguito i principali contenuti energetici della Legge di Stabilità, rimandando alla consultazione della norma nei Riferimenti per ogni ulteriore approfondimento.

Detrazione 65% (ex 55%) per interventi di efficienza energetica

Viene prorogata di un anno, al 31 dicembre 2016, la scadenza della detrazione del 65% per le spese di efficientamento energetico degli edifici. La proroga riguarda anche gli interventi relativi a parti comuni dei condomini (o che interessano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio), le schermature solari e i generatori di calore a biomasse.

Novità: la detrazione del 65% si applica anche “alle spese sostenute per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative (…)”.

Detrazione 65% anche per soggetti no tax area ed ex IACP

In caso di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali, i soggetti che si trovano nella no tax area (pensionati, dipendenti e autonomi) dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 possono optare al posto della detrazione spettante – per la cessione del credito che gli spetta ai fornitori che hanno effettuato i lavori. Le modalità operative di questa novità fiscale dovranno essere definite entro il 1° marzo 2016 con provvedimento dell’Agenzia delle entrate.

Possono inoltre accedere alle detrazioni del 65% anche gli Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati, per le spese sostenute – dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2016 – per interventi realizzati su immobili di loro proprietà adibiti ad edilizia residenziale pubblica.

Detrazione 50% (ex 36%) per interventi di ristrutturazione

Viene prorogata di un anno, fino al 31 dicembre 2016, la possibilità di detrarre il 50% delle spese sostenute per le ristrutturazioni (gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia per i singoli appartamenti e per gli immobili condominiali).

Bonus mobili ed elettrodomestici

Proroga al 31 dicembre 2016 del Bonus mobili ed elettrodomestici, che consiste nella possibilità di detrarre il 50% delle spese, calcolate su ammontare massimo di 10.000 euro, per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica, finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione.

Viene inoltre introdotta un’altra particolare tipologia di bonus mobili, per le “giovani coppie costituenti nucleo familiare composto da coniugi o da conviventi more uxorio che abbiano costituito nucleo da almeno tre anni, in cui almeno uno dei due componenti non abbia superato i trentacinque anni, acquirenti di unità immobiliare da adibire ad abitazione principale (…)”. I soggetti in possesso di questi requisiti possono godere della detrazione del 50% per le spese sostenute nel 2016 per l’acquisto di mobili ad arredo dell’unità abitativa. La detrazione, da ripartire in 10 quote annuali di pari importo, è calcolata su un ammontare complessivo di 16mila euro. Le due tipologie di Bonus non sono cumulabili.

Detrazione 65% antisismica

Beneficia della proroga di un anno, fino al 31 dicembre 2016, anche la detrazione del 65% delle spese per interventi “relativi all’adozione di misure antisismiche con particolare riguardo all’esecuzione di opere per la messa in sicurezza statica, in particolare sulle parti strutturali, per la redazione della documentazione obbligatoria atta a comprovare la sicurezza statica del patrimonio edilizio, nonché per la realizzazione degli interventi necessari al rilascio della suddetta documentazione”.

Iva abitazioni efficienti

E’ possibile detrarre il 50% dell’importo corrisposto per il pagamento dell’Iva sull’acquisto – effettuato entro il 31 dicembre 2016 – di abitazioni di classe energetica A o B cedute dalle imprese costruttrici. La detrazione è ripartita in 10 quote annuali.

Incentivi biomassa

Ai titolari di impianti a biomassa, biogas e bioliquidi sostenibili, che hanno cessato al 1° gennaio 2016 o che cesseranno entro il 31 dicembre 2016 di beneficiare degli incentivi sull’energia prodotta, viene concesso il diritto di fruire – fino al 31 dicembre 2020 – di un ulteriore incentivo sull’energia prodotta.

Tale incentivo è pari all’80% di quello individuato dal Dm 6 luglio 2012 per gli impianti di nuova costruzione e viene erogato dal GSE a partire dal giorno successivo alla cessazione del precedente incentivo, qualora tale data sia successiva al 31 dicembre 2015, ovvero a partire dal 1° gennaio 2016 se la data di cessazione del precedente incentivo è antecedente al 1° gennaio stesso.

Entro il 31 dicembre 2016, i produttori interessati dovranno fornire una serie di informazioni al Ministero dello sviluppo. In ogni caso, l’erogazione dell’incentivo sarà subordinata alla decisione favorevole della Commissione europea in esito alla notifica del regime di aiuto.

Fiscalità agroenergie

Viene stabilizzato il regime fiscale per le agroenergie applicato negli anni 2014 e 2015. Tale regime – lo ricordiamo – stabilisce che la produzione e cessione di energia elettrica e calorica da fonti rinnovabii agroforestali (fino a 2.400.000 kWh annui) e fotovoltaiche (fino a 260.000 kWh annui) nonché di carburanti e di prodotti chimici di origine agroforestale provenienti prevalentemente dal fondo, si consideri produttiva di reddito agrario. Solo la quota di produzione eccedente tali limiti è soggetta a un coefficiente di redditività del 25%.

Grandi concessioni idroelettriche

Lo Stato non è più legittimato a trattenere le somme versate dai concessionari delle grandi derivazioni idroelettriche antecedentemente alla sentenza della Corte Costituzionale 18 gennaio 2008, n. 1 e 13 luglio 2011, n. 205.

Accisa impianti FER > 20 kW

L’articolo 52, comma 3, lettera b), del Dlgs n. 504/1995 – che esenta dall’accisa l’energia elettrica prodotta con impianti azionati da fonti rinnovabili con potenza superiore a 20 kW consumata dalle imprese di autoproduzione in locali e luoghi diversi dalle abitazioni – si applica anche all’energia elettrica prodotta con impianti azionati da fonti rinnovabili con potenza superiore a 20 kW, consumata dai soci delle società cooperative di produzione e distribuzione dell’energia elettrica in locali e luoghi diversi dalle abitazioni.

IVA pellet

E’ saltata la riduzione al 10% dell’aliquota IVA sul pellet, che rimane quindi all’attuale 22%.

La redazione di Nextville è già al lavoro per aggiornare tutte le sezioni del sito interessate dalle modifiche introdotte dalla Legge di stabilità.

Riferimenti:

Legge 28 dicembre 2015, n. 208 Legge di stabilità 2016 – Stralcio – Misure in materia di ambiente ed energia
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Clicca qui per l’articolo originale http://www.nextville.it/news/2321

Protocollo anti-smog: Galletti presenta le misure anti PM10

notizie energie rinnovabili

Protocollo anti-smog: Galletti presenta le misure anti PM10

Trasporti, verde urbano e riscaldamento: sono questi gli ambiti su cui si muoveranno Regioni e Comuni. Definite misure emergenziali in caso di sforamento per oltre 7 giorni consecutivi dei limiti di PM10

The post Protocollo anti-smog: Galletti presenta le misure anti PM10 appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/ambiente/protocollo-antismog-galletti-misure-pm10-666/

Sicilia, nel Rapporto Energia una regione ancora poco rinnovabile

notizie energie rinnovabili

Sicilia, nel Rapporto Energia una regione ancora poco rinnovabile

Redazione Qualenergia.it

È stato appena pubblicato il Rapporto Energia della Sicilia, curato dall’Osservatorio regionale. La Sicilia ha la minor crescita di energia da fonti rinnovabili rispetto alle altre regioni italiane e notevoli carenze nella rete di trasmissione. Inoltre gli edifici sono per la gran parte a bassa efficienza energetica.

Immagine Banner: 

È stato appena pubblicato il Rapporto Energia della Sicilia, curato dall’Osservatorio regionale e diviso in tre parti (vedi allegato in basso). Nel commento dell’Assessorato all’Energia si è voluto sottolineare inizialmente che in Sicilia quasi il 90% dei comuni dell’isola hanno aderito al “Patto dei Sindaci” (città firmatarie che si impegnano a superare gli obiettivi fissati per il 2020 a livello europeo), seconda solo alla Regione Andalusia.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151230-sicilia-nel-rapporto-energia-una-regione-ancora-poco-rinnovabile

Oltre 10mila le diagnosi energetiche presentate all'Enea

notizie energie rinnovabili

Oltre 10mila le diagnosi energetiche presentate all'Enea

Sono oltre 10mila le diagnosi energetiche presentate dalle grandi imprese e quelle a forte consumo di energia all’Enea alla scadenza del 22 dicembre prevista dal decreto legislativo 102/2014. Le diverse opportunità create da questo percorso.

Sono oltre 10mila le diagnosi energetiche presentate dalle imprese all’Enea alla scadenza delle ore 24 del 22 dicembre prevista dall’’art. 8 del decreto legislativo 102/2014 che ha recepito la Direttiva 2012/27/ sull’Efficienza Energetica.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151228-oltre-10mila-le-diagnosi-energetiche-presentate-all-enea

Energia rinnovabile vs fossile: i conti inquinati senza le esternalità negative

notizie energie rinnovabili

Energia rinnovabile vs fossile: i conti inquinati senza le esternalità negative

Il costo dell’energia rinnovabile è già oggi più basso di quello dell’energia prodotta con combustibili fossili se venissero considerate anche le esternalità negative, come la CO2 e le polveri sottili che sono causa ogni anno di decina di migliaia di morti premature. Quali benefici netti per le rinnovabili in Italia? Uno studio di Althesys.

Immagine Banner: 

Il costo dell’energia rinnovabile è già oggi più basso di quello dell’energia prodotta con combustibili fossili se, come correttamente si dovrebbe, si considerassero anche le esternalità negative, come le emissioni di anidride carbonica, principale fattore del cambiamento climatico, e le polveri sottili, responsabili di un elevato numero di morti premature ogni anno.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151224-energia-rinnovabile-vs-fossile-i-conti-inquinati-senza-le-esternalit%C3%A0-negativehttp://www.qualenergia.it/articoli/20151224-energia-rinnovabile-vs-fossile-i-conti-inquinati-senza-le-esternalit%C3%A0-negative

Greenbuilding: la top ten del 2015

notizie energie rinnovabili

Greenbuilding: la top ten del 2015

I 10 progetti di greenbuilding pubblicati da Rinnovabili.it più interessanti del 2015. Ecco le architetture migliori di quest’anno ricco di innovazioni

The post Greenbuilding: la top ten del 2015 appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/greenbuilding/greenbuilding-top-ten-2015-876/

Fotovoltaico mondiale: un po' di previsioni per il 2016

notizie energie rinnovabili

Fotovoltaico mondiale: un po' di previsioni per il 2016

Redazione Qualenergia.it

Mercom Capital prevede che nel 2016 si installeranno 64,7 GW di nuova potenza, contro i 57,8 GW stimati nel 2015. La Cina continuerà ad essere il mercato più importante seguita da Usa e Giappone. Una crescita molto impetuosa è prevista anche per l’altro gigante asiatico, l’India.

Immagine Banner: 

Ecco alcune previsioni di crescita anche per il 2016 per il fotovoltaico mondiale: nell’anno che sta per iniziare si installeranno 64,7 GW di nuova potenza, contro i 57,8 GW stimati per il 2015, pari a circa +12%.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151223-fotovoltaico-mondiale-previsioni-per-il-2016

Audit PMI, approvati i programmi regionali

notizie energie rinnovabili

Audit PMI, approvati i programmi regionali

Ricordiamo che il Dlgs 102/2014, di recepimento della direttiva 2012/27/Ue sull’efficienza energetica, ha previsto che il Ministero dello sviluppo economico publicasse un bando per la selezione e il co-finanziamento di programmi presentati dalle Regioni e finalizzati a sostenere la realizzazione di audit energetici presso le PMI o l’adozione, sempre nelle PMI, di sistemi di gestione conformi alle norme Iso 50001.

>> Per maggiori informazioni, vedi la pagina di Nextville dedicata al tema e presente nei Riferimenti in basso

Pubblicato il bando, le Regioni e le Provincie autonome hanno avuto tempo fino al 31 ottobre 2015 per presentarli.

I programmi, approvati con decreto del Ministero dello sviluppo economico del 21 dicembre 2015, sono stati presentati da 14 tra Regioni e Provincie autonome: Lombardia, Veneto, Valle d’Aosta, Emilia Romagna, Piemonte, Sicilia, Liguria, Marche, Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Umbria, Provincia di Trento e Basilicata.

“Le risorse messe a disposizione dallo Stato per il cofinanziamento dei programmi ammontano a circa 10 milioni di euro. Considerando anche le risorse che verranno allocate dalle Regioni, saranno disponibili 20 milioni di euro a copertura del 50% dei costi che le PMI sosterranno per la realizzazione delle diagnosi energetiche o per l’adozione di sistemi di gestione dell’energia conformi alle norme ISO 50001″.

Ora non resta che attendere che i programmi approvati siano trasformati dalle Regioni in bandi, con specifiche norme. Vi terremo informati.

>> Per rimanere aggiornati sulle novità di Nextville vi invitiamo a iscrivervi alla nostra newsletter quindicinale gratuita. Iscriviti qui.

Riferimenti:

Dm Sviluppo economico 21 dicembre 2015
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Gli incentivi previsti per le diagnosi energetiche nelle piccole e medie imprese
in Nextville (Incentivi e bandi)

Dlgs 4 luglio 2014, n. 102 – Attuazione della direttiva 2012/27/Ue sull’efficienza energetica
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Direttiva Parlamento e Consiglio Ue 2012/27/Ue – Direttiva sull’efficienza energetica
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Clicca qui per l’articolo originale http://www.nextville.it/news/2317

Il Conto Termico 2.0 inciampa nella Stato-Regioni: previsti altri ritardi

notizie energie rinnovabili

Il Conto Termico 2.0 inciampa nella Stato-Regioni: previsti altri ritardi

Redazione Qualenergia.it

L’intesa della Conferenza Stato-Regioni è data solo a una condizione che difficilmente sarà accolta dal Ministero dello Sviluppo Economico. Si va verso un braccio di ferro che con ogni probabilità allungherà il tempi del decreto sul nuovo Conto Termico, già in ritardo di quasi un anno.

Immagine Banner: 

La Conferenza Unificata delle Regioni e Provincie autonome ha esaminato il nuovo Conto Termico, ma ha dato la sua intesa solo a condizione che venga fatta una modifica sulla quale non sembra sarà facile trovare un accordo con il MiSE.

Dovremo allora con ogni probabilità aspettare ancora prima dell’entrata in vigore dell’attesa versione 2.0 del Conto Termico, che contiene semplificazioni e novità che dovrebbero rendere più attraente l’incentivo fino ad ora sottoutilizzato

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20151221-il-nuovo-conto-termico-inciampa-nella-conferenza-stato-regioni-previsti-altri-ritardi

Carbone: mentre il mondo tira il freno chiude l’ultima miniera UK

notizie energie rinnovabili

Carbone: mentre il mondo tira il freno chiude l’ultima miniera UK

Nello stesso giorno in cui chiude “The Big K”, la più grande miniera di carbone di profondità dell’Europa, la IEA fa il punto della situazione sulla domanda globale di questa fonte fossile

The post Carbone: mentre il mondo tira il freno chiude l’ultima miniera UK appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/energia/carbone-mondo-freno-miniera-uk-666/