Pff Bonfiglioli a Civitanova

Continua il grande campionato delle nostre ragazze.

Domani metteranno sul campo di Civitanova tutta la loro ENERGIA per tornare a Ferrara con un’altra vittoria.

Forza ragazze!

Bruxelles costretta a cacciare gli esperti pro fracking

notizie energie rinnovabili

Bruxelles costretta a cacciare gli esperti pro fracking

La Commissione Ue aveva messo in piedi un panel di esperti per valutare gli impatti del fracking. Ma erano quasi tutti finanziati dall’industria

The post Bruxelles costretta a cacciare gli esperti pro fracking appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/ambiente/bruxelles-esperti-fracking-333/

Milleproroghe, ANIE Rinnovabili: "milioni di investimenti bloccati per indeterminatezze normative"

notizie energie rinnovabili

Milleproroghe, ANIE Rinnovabili: "milioni di investimenti bloccati per indeterminatezze normative"

Con la fiducia al Senato il decreto legge “Milleproroghe” è stato convertito in legge, compreso il controverso spostamento degli oneri di sistema verso le componenti fisse nelle bollette degli utenti non domestici. Proprio su questo aspetto interviene ANIE Rinnovabili.

Con la fiducia al Senato il decreto legge “Milleproroghe” è stato convertito in legge.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20160225-milleproroghe-anie-rinnovabili-milioni-di-investimenti-bloccati-indeterminatezze-normativehttp://www.qualenergia.it/articoli/20160225-milleproroghe-anie-rinnovabili-milioni-di-investimenti-bloccati-indeterminatezze-normative

Il Milleproroghe è ora legge: la sintesi delle misure

notizie energie rinnovabili

Il Milleproroghe è ora legge: la sintesi delle misure

Redazione Qualenergia.it

Con la fiducia votata al Senato con 155 voti a favore, 122 contrari e nessun astenuto il decreto legge Milleproroghe è stato convertito in legge. Diverse le novità per rinnpvabili ed energia in generale, compreso il controverso spostamento degli oneri di sistema che penalizza autoconsumo e generazione distribuita.

Con la fiducia votata al Senato con 155 voti a favore, 122 contrari e nessun astenuto il decreto legge Milleproroghe è stato convertito in legge. Diverse le novità che riguardano rinnovabili, efficienza energetica ed energia in generale, compreso il controverso spostamento degli oneri di sistema verso le componenti fisse nelle bollette degli utenti non domestici.

Ricordiamo i punti più importanti per i nostri settori di riferimento:

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20160225-il-milleproroghe-ora-legge-la-sintesi-delle-misurehttp://www.qualenergia.it/articoli/20160225-il-milleproroghe-ora-legge-la-sintesi-delle-misure

L'Agenzia delle Entrate su detrazioni fiscali e accumulo per il fotovoltaico

notizie energie rinnovabili

L'Agenzia delle Entrate su detrazioni fiscali e accumulo per il fotovoltaico

Redazione Qualenergia.it

L’Agenzia delle Entrate conferma a QualEnergia.it che i sistemi di storage abbinati al fotovoltaico, come lo stesso impianto solare, possono usufruire delle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie. L’accumulo deve però essere installato contestualmente o successivamente all’impianto FV.

Immagine Banner: 

Da tempo si dà per scontato che le batterie da abbinare al fotovoltaico godano dell’incentivo della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. È così in Italia si stanno installando impianti FV in scambio sul posto dotati di sistema di accumulo, beneficando della detrazione del 50% sulla spesa Irpef. Finora però non c’era mai stata una conferma esplicita da parte dell’Agenzia delle Entrate che chiarisse quando e in base a quali norme i sistemi di storage avrebbero diritto allo sgravio.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20160224-agenzia-entrate-chiarisce-su-detrazioni-fiscali-e-accumulo-per-fotovoltaico

Fotovoltaico, la classifica dei produttori mondiali è un po' meno cinese

notizie energie rinnovabili

Fotovoltaico, la classifica dei produttori mondiali è un po' meno cinese

Trina Solar, così come era accaduto nel 2014, conquista il primo posto mondiale fra i produttori di moduli fotovoltaici, con 4,55 GW di moduli cristallini prodotti, seguita da Canadian Solar, che in un anno è balzata dal quarto al secondo posto, con 3,9 GW. Superando in un solo colpo le altre due cinesi JinkoSolar e JA Solar, l’azienda canadese impedisce alla Cina di realizzare l’en plein come era accaduto l’anno precedente, quando aveva occupato i primi tre posti della classifica.

Secondo GlobalData, Trina Solar ha realizzato risultati considerevoli nell’ultimo anno; per esempio ha annunciato un nuovo record di efficienza di 22,13% per le sue celle solari in silicio monocristallino, spazzando via quello precedente di 21,40% e ottenendo un miglioramento in efficienza di 0,73% in un solo anno. Inoltre l’azienda ha annunciato la creazione di un nuovo impianto produttivo in Thailandia con una capacità di 500 MW di moduli e 700 MW di celle l’anno. Questo nuovo stabilimento, insieme a quello della Malesia, consentirà a Trina di aumentare la propria produttività e la competitività sul mercato mondiale.

Anche Canadian Solar ha fatto registrare un’ottima annata, in seguito anche all’acquisizione di Recurrent Energy, un provider di sistemi solari, da Sharp Corporation nel febbraio 2015. Questo ha consentito all’azienda canadese di raddoppiare – e anche qualcosa in più – la propria produzione annuale e passare così al secondo posto mondiale.

Subito dietro a Trina e Canadian, ci sono Jinko Solar, con 3,79 GW, JA Solar, con 3,38 GW, e al quinto posto la sudcoreana Hanwa con 3,2 GW. La cinese Yingli, invece, che nel 2014 aveva prodotto 3,35 GW di moduli non ha beneficiato della crescente popolarità; la sua produzione infatti è scesa a 2,35 GW – è passata dal secondo al settimo posto – a causa di problemi di liquidità e dalla necessità di ripagare alcuni debiti contratti.

Riferimenti:

TRINA SOLAR REMAINED WORLD’S Top Solar PV module producer in 2015, Says GlobalData
La notizia su Canale Energia

Clicca qui per l’articolo originale http://www.nextville.it/news/2379

Detrazioni fiscali del 50 e 65% e cumulabilità con gli incentivi regionali. Il chiarimento delle Entrate

notizie energie rinnovabili

Detrazioni fiscali del 50 e 65% e cumulabilità con gli incentivi regionali. Il chiarimento delle Entrate

Redazione Qualenergia.it

Detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie ed Ecobonus del 65% per gli interventi di efficienza energetica sono cumulabili con altri incentivi come quelli regionali o comunitari? Lo abbiamo chiesto all’Agenzia delle Entrate. Ecco la risposta.

Immagine Banner: 

Nelle settimane scorse la Regione Lombardia ha messo in campo un incentivo regionale per i sistemi di accumulo da abbinare al fotovoltaico. Le batterie, se abbinate al FV possono accedere anche alle detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20160223-detrazioni-fiscali-50-e-65-percento-cumulabili-con-incentivi-regionali-chiarimento-Agenzia-Entrate

Depuratori a celle solari per l’acqua potabile delle comunità rurali

notizie energie rinnovabili

Depuratori a celle solari per l’acqua potabile delle comunità rurali

I ricercatori svedesi hanno creato un sistema di depurazione a celle solari che utilizza un sistema di led ultravioletti per eliminare i batteri dall’acqua

The post Depuratori a celle solari per l’acqua potabile delle comunità rurali appeared first on Rinnovabili.

Clicca qui per l’articolo originale http://www.rinnovabili.it/innovazione/depuratori-celle-solari-comunita-rurali-333/

Crisi termoelettrico: le utility italiane puntano su reti, rinnovabili ed efficienza

notizie energie rinnovabili

Crisi termoelettrico: le utility italiane puntano su reti, rinnovabili ed efficienza

Redazione Qualenergia.it

Le strategie che le utility elettriche italiane stanno adottando per uscire dalla tempesta perfetta: overcapacity, calo della domanda e concorrenza delle rinnovabili. Il rapporto dell’Osservatorio sulle Alleanze e le Strategie nel Mercato Pan-europeo delle Utility. Presentato il 23 febbraio a Milano.

Immagine Banner: 

Più investimenti in reti e rinnovabili, interesse ai mercati esteri ma anche un’estensione dell’offerta, fornendo, oltre all’energia elettrica, nuovi servizi come interventi di efficienza energetica. Sono queste le strategie che le utility italiane stanno adottando per uscire dalla tempesta perfetta vissuta in questi anni, fatta di overcapacity, calo della domanda e concorrenza delle nuove rinnovabili come fotovoltaico ed eolico.

leggi tutto

Clicca qui per l’articolo originale http://www.qualenergia.it/articoli/20160219-crisi-termoelettrico-le-utility-italiane-puntano-su-reti-rinnovabili-ed-efficienzahttp://www.qualenergia.it/articoli/20160219-crisi-termoelettrico-le-utility-italiane-puntano-su-reti-rinnovabili-ed-efficienza

Energia sostenibile e sicurezza energetica, le nuove proposte Ue

notizie energie rinnovabili

Energia sostenibile e sicurezza energetica, le nuove proposte Ue

“L’Unione dell’energia – la strategia europea per l’energia e il clima al 2030 lanciata un anno fa – ha promesso di fornire a tutti i cittadini europei energia sicura, sostenibile e competitiva. Il pacchetto di misure presentato oggi (16 febbraio 2016, ndr) dalla Commissione – ha dichiarato Maroš Šefčovič, vicepresidente della Commissione per l’Unione dell’energia – si concentra sulla sicurezza dell’approvvigionamento energetico, ma tocca anche gli altri due obiettivi generali”.

Maggiore sostenibilità per scaldare e raffrescare gli edifici

Per aumentare l’efficienza energetica degli edifici, la Commissione europea ha pubblicato una Comunicazione sulla strategia comunitaria per il loro riscaldamento e raffrescamento.

Per riscaldare e raffrescare gli immobili, sottolinea la Commissione, impieghiamo il 50% dell’energia consumata in un anno nei Paesi dell’Unione, con un maggiore ricorso al gas: il 59% del consumo di gas totale annuo è destinato alla climatizzazione degli edifici; il petrolio è meno utilizzato: solo il 13% del consumo totale è utilizzato per gli immobili.

Per diminuire tali consumi, la strategia della Commissione prevede:

• piani per facilitare gli interventi di riqualificazione energetica,

• un maggiore utilizzo di energia prodotta da fonti rinnovabili per riscaldare e raffrescare gli edifici. Misure specifiche in proposito verranno formulate nel corso della revisione della direttiva sulle rinnovabili (2009/28/Ce) e sull’efficienza energetica (2012/27/Ue) prevista per la fine del 2016,

• l’integrazione del sistema elettrico con i sistemi di teleriscaldamento e teleraffreddamento,

• maggiore efficienza dei processi industriali,

• maggiore coinvolgimento dei consumatori e delle industrie.

Sicurezza nell’approvigionamento di gas

«Dopo le crisi del gas del 2006 e del 2009 ci siamo detti: “Mai più” – ha dichiarato il Commissario per l’Azione per il Clima e l’energia, Miguel Arias Cañete -. Ma gli stress test del 2014 hanno mostrato che siamo ancora troppo vulnerabili a forti interruzioni nelle forniture di gas e le tensioni politiche ai nostri confini ci ricordano che questo rischio non stato ancora superato”.

Per rendere più sicuro l’approvvigionamento del gas, la Commissione ha, perciò, pubblicato:

• una proposta sulle nuove regole per la sicurezza dell’approvvigionamento di gas dell’Unione europea,

• una proposta sulle nuove regole per gli accordi energetici tra paesi europei e non europei,

• e una Comunicazione sul mercato europeo del Gas naturale liquefatto (GNL) e sulla strategia per lo stoccaggio del gas.

Molto scetticismo ha mostrato Claude Turmes, portavoce per le tematiche energetiche del Gruppo dei Verdi al Parlamento europeo. In un intervento pubblicato su EuroActiv.com, Turmes ha dichiarato che “la nuova strategia sul gas della Commissione è un affronto all’accordo di Parigi … ed è un deliberato tentativo di stendere un tappeto rosso a Gazprom … La Commissione sta basando la sua strategia su una stima eccessiva della futura domanda di gas: l’Europa non ha bisogno di più gas; ha bisogno di efficienza e fonti di energia rinnovabile”.

Riferimenti:

Commission Communication on an EU strategy for heating and cooling
dal sito della Commissione europea

Commission proposal on new rules for EU gas supply security
dal sito della Commissione europea

Commission proposal on new rules for energy agreements between EU and non-EU countries
dal sito della Commissione europea

Commission Communication on an EU LNG and gas storage strategy
dal sito della Commissione europea

Direttiva Parlamento europeo e Consiglio Ue 2009/28/Ce
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Direttiva Parlamento e Consiglio Ue 2012/27/Ue – Direttiva sull’efficienza energetica
in Nextville (Osservatorio di normativa energetica)

Energy Union, la strategia europea per l’energia e il clima al 2030
dall’Archivio news di Nextville

Lost in the gas bubble
l’intervento di Claude Turmes su EuroActiv.com

Clicca qui per l’articolo originale http://www.nextville.it/news/2372